IL CALENDARIO DELL’AVVENTO DEL MANGIAR SANO 2020

15 DICEMBRE

Ripetiamo insieme… ACQUA E LIMONE:

✳️Non serve a disintossicare o a purificare

✳️Non ha proprietà alcalinizzati sul nostro organismo

✳️Può portare a disturbi come esofagite e reflusso gastro-esofageo

✳️Può danneggiare lo smalto dei denti

Volete aiutare il vostro organismo a lavorare al meglio, rimanete idratati bevendo durante tutta la giornata. Volete assicurarvi una buona dose di Vitamina C, consumate le 5 porzioni quotidiane tra frutta e verdura… E le pozioni miracolose lasciamole alle favole!😉

14 DICEMBRE

❓L’aumento del consumo di fibra nella propria alimentazione sarà sempre utile a migliorare il fenomeno della stitichezza?
La fibra gioca sicuramente un ruolo fondamentale nella regolazione del transito intestinale e nella prevenzione di molte patologie ma non sempre chi soffre di stipsi può trovare miglioramento da un repentino aumento del consumo di fibra nella propria dieta ma anzi a volte questa soluzione sembrerebbe peggiorare il problema… Come mai❓ Nelle persone che soffrono di stitichezza cronica spesso si verifica forte infiammazione a livello intestinale con forte disbiosi (la flora intestinale risulta non più in equilibrio), in questa situazione un eccessivo consumo di fibre (soprattutto se molto aggressive come ad esempio quelle della crusca) unito magari ad uno scarso apporto di acqua, possono causare un ulteriore rallentamento e peggiorare la situazione.💡 In questi casi potrebbe quindi essere utile un iniziale riduzione delle fibre più aggressive, un aumento dell’idratazione e su consiglio di un professionista che conosca la vostra storia clinica, un’eventuale integrazione di proibitici che possano aiutarvi a riportare equilibrio. Mi raccomando non affidatevi mai a rimedi fai da te ma chiedete sempre consigli ad un professionista qualificato e non dimenticate la prevenzione !

13 DICEMBRE

Siamo tutti abituati ad associare alle carote il classico color arancione, pel di carota veniva addirittura chiamato così per via del colore dei suoi capelli… E se non fosse sempre stato così? Le carote arancioni sono frutto di una selezione ad opera agricoltori olandesi tra il 16° e il 17° secolo. Prima di allora le carote europee erano viola ma per onorare la dinastia degli Orange si diete origine ad un lento processo di selezione che donó alle carote il colore che tutti conosciamo!
Le varietà originarie, provenienti dall’Afghanistan, erano per lo più viola, ma ne esistevano anche di gialle, rosse o nere, in base alla zona. La scelta degli agricoltori olandesi venne poi apprezzata da tutta Europa perché la varietà arancione era per l’epoca molto più gradevole alla vista e si caratterizzava per un gusto più dolce e delicato rispetto alla versione originaria.

12 DICEMBRE

Da quando ho scoperto i CHOCOLATE CRINKLE COOKIES, questi deliziosi dolcetti al cioccolato sono diventati i miei biscotti di Natale preferiti! Vi sembra strano che in un profilo di una Nutrizionista si pubblichi una ricetta di biscotti? Credo sia giunto il momento di svelarvi un segreto… Anche noi siamo esseri umani muniti di papille gustative funzionanti! 🤣 Scherzi a parte, nessuna dieta, se intesa nella sua declinazione più antica di stile di vita, dovrebbe prevedere l’esclusione totale di una categoria alimentare… La convivialità, la gioia di stare a tavola e il piacere di assaporare non possono prescindere da uno stile di vita sano che possa essere portato avanti nel tempo. Come sempre ciò che farà veramente la differenza sarà la porzione e soprattutto la frequenza di consumo! Quindi nelle festività godetevi con tranquillità qualche piccolo dolcetto Natalizio ma con la giusta moderazione e soprattutto non dimenticandovi di tutte le buone abitudini (attività fisica, corretta idratazione, varietà ed equilibrio).
Ah già la ricetta! Eccola qui sotto:
-100 g di cioccolato fondente 70%
-100 g di farina di tipo 1
-40 g di farina di tipo 0
-15 g di cacao amaro in polvere
-80 g di zucchero
-1 cucchiao di miele
-30 g di olio d’oliva
-40 g di bevanda di avena
-15 g di lievito per dolci
-5 o 6 cucchiai di zucchero a velo per la decorazione.

In una ciotola versate bevanda di avena, olio, zucchero e miele. Lavorate tutto con una frusta. Aggiungete poi il cioccolato sciolto e continuate a mescolare. Unite la farina setacciata, il cacao e il lievito e continuate a mescolare fino ad ottenere un composto compatto. A questo punto fornate delle palline con le mani e fatere rotolare per qualche secondo in un piattino con lo zucchero a velo. Adagiate le palline su una teglia con carta da forno e fate cuocere a 170 gradi per circa 15 minuti oppure 180° per 10 minuti in forno statico.

11 DICEMBRE

Ormai ho perso il conto di quante volte io abbia sentito o letto questa frase. Tv, giornali e web ci bombardano quotidianamente con messaggi e indicazioni sbagliate e fuorvianti. Dalle anamnesi alimentari di almeno la metà dei pazienti che arrivano in studio emerge un bassissimo consumo di frutta fresca e sopratutto una quasi totale esclusione della frutta al pasto… Esclusione giustificata dal pensiero che la frutta sia eccessivamente zuccherina per poter essere inserita al termine di un pasto.

❓ Ma sarà veramente così?… Per fortuna NO‼️ È vero che la frutta contiene una percentuale di zuccheri (fruttosio) ma ricordiamoci che questi (così come il lattosio presente nei latticini) non rientrano nel conteggio degli zuccheri semplici giornalieri da mantenere al di sotto del 10-15% dell’apporto calorico giornaliero.

🍐🍏🥝La frutta è infatti ricca di fibra e di importanti vitamine e minerali. Il suo consumo all’interno del pasto (a meno di particolari casi) è indicato proprio per raggiungere la quantità di fibra necessaria (che dobrebbe ricoprire la metà di un patso) a donarci sazietà e ad aiutarci nel controllo dei valori di glicemia e colesterolo. Alcune vitamine o minerali presenti nella frutta aiutano inoltre il corretto assorbimento di altri importanti nutrienti presenti in un pasto e quindi favoriscono una corretta digestione. Infine dobbiamo ricordarci che la frutta è ricca di pectina, una fibra che se accompagnata ad adeguate quantità di acqua, favorisce il transito intestinale e limita il fenomeno della stitichezza.

10 DICEMBRE

Spesso si pensa erroneamente che un’alimentazione su base vegetale sia povera di ferro e che per chi sceglie di non consumare derivati animali sia sempre necessario integrarlo. In realtà il mondo vegetale è ricchissimo di ferro.. Legumi, frutta secca, vegetali a foglia verde, erbe aromatiche e frutta disidratata sono solo alcuni esempi di alimenti ricchi di questo minerale. Va detto che il ferro presente nei vegetali (ferro non eme) è molto più sensibile ad alcune sostanze che che ne inibiscono l’assorbimento (teina, caffeina, fibre, calcio da latte e derivati, fitati). Per fortuna una dieta bilancia è intrinsecamente ricca di tantissime situazioni che possono invece favorire l’assorbimento del ferro non-eme (vitamina c e altri acidi organici presenti nella frutta e nella verdura, lievitazione, fermentazione, ammollo) e per questo anche chi segue una corretta dieta vegetariana non deve per forza avere necessità di ricorrere ad un’integrazione di ferro. Un trucco per massimizzare l’assorbimento di ferro non eme (se ad esempio abbiamo necessità di un fabbisogno maggiore) prevede la semplice aggiunta di cibi ricchi di vitamina C (succo di limone, agrumi, kiwi, peperoni, rucola, cavoli…) ad un pasto con alto contenuto di ferro non eme (ad esempio a base di legumi). Inoltre se utilizzate legumi secchi lasciateli in ammollo per molte ore prima di cuocerli in modo da consentire una buona riduzione dei fitati che possono ostacolare l’assorbimento del ferro.

9 DICEMBRE

Oggi vi svelo una delle mie merende preferite! Super veloce da preparare ma equilibrata e ricca di gusto! Banana a fette con 2 cucchiaini di crema di mandorle 100% e scaglie di cioccolato! Potete abbinarla ad uno yogurt bianco oppure ad una calda tisana a seconda delle vostre necessità… Provatela anche con una spolverata di cannella e vi garantisco che il risultato sarà assicurato!

8 DICEMBRE

1️⃣APPRENDISTI CHEF : un manuale per apprendisti chef ricco di informazioni giochi e attività. Al termine del libro anche un simpaticissimo attestato da personalizzare! @escienza

2️⃣IL PORTAPRANZO DI TIMMY TOD: Grazie alla bravissima @juiceforbreakfast simpatici alimenti diventatano la banda degli ingredienti coraggiosi per insegnare al piccolo Tom che il coraggio per intraprendere un’avventura si nasconde nelle piccole cose.

3️⃣MAMMA CHE BUONO : @mammamatta e @cookthelook mescolano le loro abilità in un libro di ricette che nom assomiglia ai classici ricettari. Ricco di giochi, esperimenti e attività pratiche… Il divertimento per tutta la famiglia è assicurato!

4️⃣NINO IL MAIALINO : Unisciti a Nino per un viaggio tra i sapori del mondo e per scoprire come da sempre la cucina è tradizione ma anche unione. All’interno troverete anche tante ricette da tutto il mondo. @manfontcomics

5️⃣BRICIOLE : @latatamaschio e @iltrexapois insieme per un libro ricco di poesia e colori. La storia di Brisé, una bricciola di tartellette alla frutta, è ambientata nella Parigi di inizio Novecento e nel suo viaggio tra le strate parigine ci porta messaggi di altruismo, fiducia e uguaglianza. Un romanzo per bambini ma anche per adulti!

7 DICEMBRE

Sfatiamo oggi 2 dei tanti falsi miti sull’alcol e sul suo consumo.

⚠️BERE ALCOLICI RISCALDA… FALSO! L’iniziale sensazione di calore a seguito della consumazione di un alcolico è dovuta alla vasodilatazione ma in realtà questo meccanismo crea un’ingannevole sensazione di caldo per poi far seguire subito dopo una ancor più rapida dispersione di calore e conseguente diminuzione della temperatura corporea.

⚠️L’ALCOL FAVORISCE LA DIGESTIONE… FALSO! Mi dispiace ma anche in questo caso si tratta di un falso mito…l’abitudine a consumare super alcolici al termine di un pasto per aiutare la digestione è in realtà inutile e anzi dannosa. Il consumo di alcol provoca infatti ipersecrezione gastrica e allunga i tempi del normale svuotamento dello stomaco creando quindi un rallentamento nella digestione.
… Sull’alcol ci sarebbe materiale per tantissimi altri post… Non è vero che gli alcolici possano dissetare ma anzi provocano disidratazione e soprattutto non è vero (ma dannoso invece sì!) che bere birra durante l’allattamento faciliti nella donna la produzione di latte!

6 DICEMBRE

Questa Domenica sfatiamo un altro falso mito a tema nutrizione… i carboidrati si possono e anzi si devono consumare anche a cena! Negli ultimi anni si è fata strada l’idea che gli alimenti fonte di carboidrati siano il male assoluto… questa affermazione è in realtà quanto di più sbagliato e assurdo si possa sentire o leggere. Se eliminiamo totalmente gli alimenti fonte di carboidrati da un pasto il rischio sarà quello di eccedere con molta facilità con le porzioni di secondo (per raggiungere ugualmente il senso di sazietà) e cadere poi nella tentazione del dolce dopo qualche ora dal pasto.
Ciò che conta veramente all’interno di un pasto non è l’indice glicemico del singolo alimento ma il suo carico glicemico totale e per mantenere un carico glicemico controllato ed equilibrati ai pasti non è assolutamente necessario o utile rimuovere totalmente i cereali o i loro derivati ma piuttosto comprendere al meglio il significato del piatto della salute e accompagnare i pasti con abbondanti quote di fibre dai vegetali. Consumiamo cereali integrali (ricchi di fibre), preferiamo cereali in chicco e al dente per favorire la masticazione, variamo le fonti (pasta o pane integrale/cereali in chicco/polenta/patate…) ma ASSOLUTAMENTE NON ELIMINIAMOLI!
Ricordiamoci inoltre che i cereali integrali contengono triptofano (precursore della serotonina e della melatonina) e sono quindi validi alleati del corretto riposo e del buono umore!

5 DICEMBRE

Devo svelarvi un segreto… fin da bambina una delle mie colazioni preferite era composta da focaccia bianca e spremuta di agrumi. Questa colazione rievoca il sapore delle mie vacanze in Liguria, il profumo di focaccia appena sfornata mi ricorda le colazioni al Bar nel carruggio prima di andare in spiaggia. Ancora oggi, la focaccia bianca a colazione resta una dolce coccola di qualche Domenica mattina. Vi sembra una colazione squilibrata? In realtà con la giuste porzioni e frequenze e magari abbinata ad una fonte proteica come un buon yogurt bianco, può essere una buona colazione saziante e utile nelle giornate che ci richiedono una buona dose di energia!

4 DICEMBRE

🎁Quest’anno per i miei regali di Natale ho cercato di orientarmi il più possibile verso prodotti artigianali o realtà impegnate a sostenere importanti progetti.Nel post di oggi voglio quindi condividere con voi 5 tra le mie idee regalo preferite.

1⃣ RICETTARIO PERSONALIZZATO un’idea regalo simpatica per amici o parenti appassionati di cucina. Potete arricchirlo inserendo all’interno una vostra ricetta del cuore. Tra i miei preferiti ci sono sicuramente questi https://www.etsy.com/…/ricettario-personalizzato-con-il…https://www.etsy.com/…/idea-regalo-utile-ricettario…https://www.etsy.com/…/notebook-a5-le-mie-ricette…

2⃣ LE BOX EMOZIONI Coltivatori di emozioni è la prima piattaforma italiana di socialfarming che sostiene le tradizioni agricole ed il lavoro di chi le custodisce. Con l’acquisto di una delle loro Box riceverete oltre a buonissimi prodotti della tradizione anche un Certificato di Adozione dal valore di € 10 che verrà interamente donata e divisa alle Aziende Agricole presenti con i loro prodotti nella Box Regalo e aggiornamenti stagionali sulle attività dei loro contadini

https://www.coltivatoridiemozioni.com/box-regalo/

3⃣ADOTTAUN ALVEARE Di stampo simile al progetto descritto sopra @3beehivetech consente di adottare per se o come regalo un alveare e a seconda dell’abbonamento scelto ricevere a casa differenti quantitativi di miele prodotto dall’arnia adottata. Una bellissima idea per salvaguardare le nostre api.

http://www.3bee.it/adotta-alveare/…

4⃣ L’edizione Natalizia delle box di @damiano_organic…creme di feutta secca e mandorle ricoperte di cioccolato fondente… Perchè anche le nutrizioniste amano il cioccolato! https://www.damianorganic.it/products/my-choco-multipack…

5⃣ L’ultima delle idee regalo che vi propongo è invece un’idea Hand-made…ricette in barattolo confezionate in bellissimi contenitori di vetro e da regalare ad amici e parenti nei giorni di festa. Sul profilo di @marysol_life tante idee per preparare gustosi barattoli!

https://m.facebook.com/lamaninagolosa/?locale2=it_IT

E voi avete altre idee da condividere?

3 DICEMBRE

🥦I broccoli sono vegetali dalle innumerevoli proprietà nutritive ma se vogliamo preservarne il valore dobbiamo scegliere metodi e tempi di cottura adeguati. La cottura al vapore è sicuramente quella più utile in questo caso. Saranno sufficienti 7 minuti (a volte anche meno a seconda delle dimensioni del broccolo) per cuocere i nostri broccoli senza perdere gran parte delle loro proprietà. ❇️Al termine della cottura il broccolo deve aver assunto una colorazione verde brillante e se vogliamo preservarne il colore (magari per creare ottime creme con cui condire un primo piatto) dopo la cottura possiamo immergerlo direttamente in una ciotola con qualche cubetto di ghiaccio. I broccoli bolliti per lungo tempo perdono le vitamine idrosolubili e soprattutto inattivano l’enzima mirosinasi, fondamentale per la formazione del sulforafano, molecola studiata per la prevenzione tumorale.

💡 Se vogliamo cuocere i broccoli per più tempo (magari per preparazioni che necessitano di cotture più lunghe) senza però perderne i benefici, basterà lavare e tagliare il broccolo prima della cottura e lasciarlo in un piatto coperto per circa 30 minuti, così facendo andremo ad imitare la masticazione (fondamentale quando si consumano i broccoli e altro motivo per non cuocerli a lungo) e favoriremo la formazione del sulforafano che una volta prodotto sarà invece resistente alla cottura.

2 DICEMBRE

🗣️”Dottoressa ma guardi che io uso solo Zucchero di Canna!”
Questa è una delle frasi che sento ripetere più spesso durante le mie consulenze in studio… ma lo zucchero di canna sarà veramente più salutare dello zucchero bianco?… Mi spiace ma la risposta è NO! ‼️Quello dello zucchero di canna è uno dei tanti falsi miti alimentari. Non è infatti vero che le caratteristiche caloriche o nutrizionali dello zucchero di canna siano differenti da quelle dello zucchero bianco, ciò che cambia è solo la fonte naturale da cui si estrae lo zucchero (barbabietola da zucchero per lo zucchero bianco e canna da zucchero per lo zucchero di canna). Lo zucchero di canna può poi essere più o meno grezzo a seconda della lavorazione subita mentre quello bianco non può essere utilizzato in forma grezza perchè il suo sapore risulterebbe sgradevole.
❓Perché crediamo quindi che lo zucchero di canna sia migliore ? L’errore nasce perchè siamo abituati ad associare ai prodotti integrali un significato positivo ma nel caso dello zucchero di canna grezzo le differenze di colore e sapore dipendono dalla presenza di piccole quantità di melassa. Nella melassa sono presenti, in quantità molto bassa, alcuni minerali e vitamine ma quello che spesso si dimentica è che la quantità di zucchero (sia esso di canna/bianco/miele ecc) da assumere giornalmente è così piccola che in questo caso l’uso del prodotto integrale (seppur leggermente più ricco di minerali e vitamine) non farà la differenza.

1° DICEMBRE

Iniziamo questo calendario dell’Avvento scoprendo insieme la frutta e la verdura di Dicembre!

VERDURA ED ORTAGGI
Aglio,bietola, broccoli, broccolo romanesco, carciofi, cardi, carote, cavolfiori, cavolini di Bruxelles, cavolo cappuccio, cavolo verza, cicoria, cime di rapa, cipolle, finocchi, indivia, lattuga, patate, porri,
radicchio rosso tardivo,rape, scalogno, sedano, sedano rapa,
topinambur,zucca.

FRUTTA
Arance, bergamotto, cachi, clementine, kiwi, limoni, mandarini, melagrana, mele, pere, uva

In questo periodo più che mai ricordiamoci di portare a tavola il colore, rendiamo i nostri piatti colorati grazie alla verdura e alla frutta di stagione. Variamo il più possibile il colore dei vegetali che consumiamo durante la settimana perchè a colori differenti corrispondono differenti proprietà.

Vegetali di colore rosso: contengono Licopene e Antocianine utili per proteggere la salute dei nostri vasi sanguigni e del cuore.

Vegetali a colorazione bianca : contengono Quercetina, che appartiene alla classe dei Flavonoidi ed utile per la salute dei nostri tessuti ossei e con proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

Vegetali a colorazione verde: contengono Clorofilla e carotenoidi che agiscono da antiossidanti. Sono inoltre ottime fonti di acido folico.

Vegetali di colore giallo-arancione: contengono invece Betacarotene anch’esso utile nel mantenere in buona salute i nostri tessuti, implicato inoltre nel buon funzionamento del nostro sistema immunitario e nei meccanismi di regolazione della vista.

Vegetali viola: sono ricchi di Antocianine, ottime alleate della salute cardiovascolare.

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.